Pagine

domenica 31 ottobre 2010

Pasticciotto Leccese

Da buona Salentina ( anche se non è uno dei miei dolci preferiti) vi posto di seguito la ricetta del Pasticciotto Leccese....e anche la sua storia...

Ingredienti
gr 600 di farina
gr 300 di strutto
gr 300 di zucchero
6 tuorli di uovo
la buccia grattugiata di un limone
un pizzico di sale
Per la crema:
L. 1 di latte
6 tuorli d'uovo
gr 150 di farina
gr 300 di zucchero
la buccia di un limone
Preparazione Impastare la farina con tutti gli ingredienti e lasciarla riposare in frigo per mezz'ora. Preparare la crema pasticciera e farla intiepidire. Stendere una sfoglia di mm 7-8, quindi imburrare e infarinare gli stampini ovali, coprirne con la pasta fondo e pareti, bucherellare con i rebbi di una forchetta.
Riempire di crema pasticciera, coprire con un altro pezzo di sfoglia, saldare bene i bordi, spennellare con bianco d'uovo leggermente battuto. Far cuocere in forno a 180° per venticinque-trenta minuti, fino a quando la superficie sarà bella e dorata.
Sfornare, lasciare intiepidire, togliere dagli stampini.

La Storia
Il pasticciotto è un dolce tipico della zona del Salento in Puglia, composto da pasta frolla farcita di crema pasticcera e cotto in forno. Nasce nel 1745 in un piccolo paese salentino, Galatina, e da allora ad oggi sono state proposte tante varianti a questo dolce che ha contribuito a rendere famosa la tipica cucina salentina. Spennellato di albume d'uovo prima della cottura in forno, il pasticciotto raggiunge la sua tipica doratura ambrata e lucida. Va consumato ancora caldo per rendere al palato tutte le migliori peculiarità del suo sapore: il profumo della crema e la consistenza della pasta frolla appena sfornata. La tradizionalità del prodotto è assicurata dalla provenienza locale delle materie prime e dal metodo di produzione che avviene secondo tradizioni familiari che ne conservano tutte le caratteristiche qualitative. È tipica abitudine dei salentini consumare questo dolce appena sfornato e ancora caldo durante le prime ore della giornata per la prima colazione.


Nessun commento:

Posta un commento